Articoli

La vera ricchezza non sta nel possedere, ma nel poter fare

Wow!

Quel viaggio in van in Portogallo era stato una vera avventura.

La bellezza della Natura a portata di finestrino: tutti i giorni per tutto il giorno.

Svegliarsi con il sorgere del sole. Bere un caffè con l’Oceano Atlantico a fare da cornice. Fare il bagno in una spiaggia nascosta. Pranzare in campagna all’ombra di un albero. Cenare vicino a un torrente in montagna. Addormentarsi al chiaro di luna di un paesino sconosciuto.

Ero felice, libero, e pieno di energie.

Da tempo non mi sentivo così.

Contento e appagato, senza un apparente motivo.

Ti è mai capitato di provare queste sensazioni? Spero di sì!

Comunque, ti consiglio di continuare a leggere… Perché ne scopriremo delle belle.

“Sarande” – il nostro Ford Transit del ’97 – ci stava accompagnando alla scoperta dell’incontaminata Natura portoghese.

E più passavano i giorni più questa sensazione di libertà e benessere si faceva largo dentro di me.

Non compresi subito quello che mi stava accadendo.

Ma fu magnifico. Approfittai di quella magia per tutto il viaggio.

Girovagammo – Giorgia e io – per l’intero paese: l’Algarve e le sue bellissime spiagge, l’Alentejo e le sue magnifiche cantine vinicole, il Centro con i suoi famosi castelli e il Norte con i meravigliosi Parchi Nazionali.

Purtroppo, come tutte le cose belle, anche quella fantastica esperienza finì.

E la carica positiva che avevo accumulato pian piano svanì.

L’unica cosa che mi rimase, oltre ai bellissimi ricordi, fu una domanda irrisolta: perché ero stato così felice durante quel viaggio?

Poi un giorno la risposta arrivò.

Come?

Ora ti spiego.

 

Meglio uno zaino pieno di esperienze

Una sera, mentre raccontavamo l’avventura che avevamo vissuto ai nostri amici, i puntini si unirono.

Fu disarmante, tanto da lasciarmi senza parole.

Quell’esperienza in van mi aveva donato un grande insegnamento che cambiò nettamente il mio modo di vedere le cose.

Sei pronto?

Eccolo!

La vera ricchezza non sta nel possedere, ma nel poter fare.

Dieci paia di scarpe, un armadio pieno di cappotti all’ultima moda, uno smartphone nuovo ogni anno, un agenda piena di impegni, 50 mila followers, due smart tv…

Non ci rendono né ricchi, né liberi e tantomeno felici.

I supermercati a ogni angolo, i negozi dappertutto, i messaggi pubblicitari ovunque vogliono convincerci che avere di più significhi essere più felici.

Quel viaggio, invece, mi aveva insegnato che togliere è meglio che aggiungere.

Mi aveva dato la possibilità di vivere con l’essenziale: un letto caldo dove dormire, la compagnia della persona amata e del cibo nel piatto.

Ecco perché durante il viaggio mi ero sentito veramente libero.

Meno abbiamo, più ci sentiamo leggeri.

Avere meno, significa avere meno distrazioni, più tempo per pensare a noi stessi e ai nostri sogni.

Gli oggetti, invece, servono solo a intorpidire momentaneamente i dolori della vita e anestetizzare la mente.

E alla lunga possedere tante cose, equivale ad avere molte preoccupazioni.

“E se mi rubassero il telefono? E se perdessi tutti i miei soldi? E se le ultime scarpe costosissime dovessero rovinarsi ? E se non funzionasse più la mia smart tv da 1000 euro?”

I beni che possediamo diventano passività che ci tengono legati a una vita che magari non ci rende felici.

Sconcertante vero?

E lascia che ti dica di più.

 

Muoversi leggeri

Minimalismo non significa solo meno oggetti, vuol dire anche avere meno amicizie tossiche, meno pensieri negativi, meno impegni superflui.

Perché quando hai meno confusione mentale, puoi fare spazio per le cose della vita che ti danno un immenso appagamento.

Puoi impegnarti nel raggiungimento dei tuoi sogni e diventare un vero Pazzo di Vita, no?

Praticare il minimalismo non significa che devi vendere tutto e vivere con uno zaino.

Ci sono diverse vie per abbracciare questa mentalità, in un modo che abbia senso per la tua situazione.

La cosa fondamentale è fare per conoscere, sperimentare per capire cosa apprezzi di più.

Devi solo decidere quali sono le cose a cui tieni, e abbandonare le altre.

Non lasciare che le cose che possiedi si impadroniscano della tua vita.

 

Ps. Ti è piaciuto l’articolo? Mi aiuti a diffonderlo? Puoi usare i pulsanti social qui sotto per condividerlo con i tuoi contatti. Grazie!

Ah, e sarei veramente contento se tu lasciassi un commento con qualche feedback qui sotto il post.

A te prende un minuto del tuo tempo, per me è fonte di grande soddisfazione!

BeRebel. BeFree. BePazzidiVita

Sebastiano

Non perderti le ultime novità da Pazzi di Vita
Iscriviti alla newsletter per ricevere le nuove videointerviste, i podcast e gli articoli sulla tua mail.

Post collegati Potrebbe piacerti anche