Articoli

Come essere più coraggiosi

“Il coraggio non è sempre un ruggito. A volte il coraggio è la calma voce alla fine del giorno che dice: “proverò di nuovo domani”. (Mary Anne Radmacher)

In questo articolo affronteremo come essere più coraggiosi di fronte agli imprevisti e alle paure della vita. Prima o poi sulla nostra strada si faranno presenti le crisi, le difficoltà, gli imprevisti che ci obbligheranno a rielaborare le strategie durante il nostro percorso.

Questo può accadere in diversi ambiti: lavoro, vita sentimentale e sociale ed è lì che bisogna porvi rimedio, perché altrimenti la vita si blocca, e non è possibile andare avanti con il proprio percorso.

Nei film e serie tv vediamo eroi impavidi che affrontano le difficoltà senza pensarci due volte, li ammiriamo perché affrontano le loro paure, ma se osserviamo bene loro non hanno effettivamente un superpotere; lottano per affrontare i propri timori e si sono fatti largo in mezzo alle incertezze.

Come facciamo mentalmente noi eroi terreni ad affrontare le paure e a trovare la sicurezza per superarle?

Il coraggio è già dentro di noi, purtroppo non esiste un interruttore mentale che premi e subito ti trasformi in superman, è un’opzione da creare e costruire di volta in volta per ogni situazione. Si inizia con piccole azioni che richiedono coraggio in piccoli gesti. In questa lettura conosceremo le linee guida per trovare il coraggio dentro di noi.

Che cos’è il coraggio?

Per definizione il coraggio deriva dalla parola latina “cor” (cuore), è la forza d’animo nel sopportare con serenità e rassegnazione dolori fisici o morali, nell’affrontare con decisione un pericolo, nel dire o fare cose che comporti anche rischio o sacrificio senza perdere fiducia nella capacità di farcela.

Detta così il coraggio sembra qualcosa di “sovraumano”, la scelta più facile è quella di restare nella propria zona di comfort con i propri pilastri, essere coraggiosi deve anche significare essere disposti a uscire dal recinto limitante per impadronirsi della propria esistenza e rischiare apertamente di commettere errori che potrebbero potenzialmente far deragliare i tuoi sforzi. Inoltre, denota ammettere gli sbagli e fare in modo che tu possa usarli per migliorare al prossimo sforzo.

Questo è essenzialmente il cuore del coraggio. Si tratta di compiere un altro tentativo quando le cose non vanno come previsto, e un altro, e un altro, e poi un altro … fino al momento in cui ci riusciamo.

Pensa a un bambino che sta imparando a camminare: la paura di cadere e farsi male c’è, ma il bambino è curioso, vuole essere come i grandi e quindi ogni volta che cade si rialza, se trova un supporto a cui aggrapparsi ci si appoggia perché è spinto, con la sua dose di inconsapevolezza, al raggiungimento dell’obiettivo. Invece di avere paura pensa a come ti senti se conquisti il tuo traguardo e cambia così la tua prospettiva.

L’allenamento quotidiano per diventare un supereroe

Il modo migliore per sviluppare il coraggio è trattarlo come qualsiasi abilità ed è necessario allenarsi quotidianamente: pratica e disciplina giornaliere sono molto importanti. Questo processo richiede tempo e fatica, soprattutto se la forza magnetica della nostra zona di comfort è spesso troppo difficile da resistere.

Ora analizziamo le linee guida che puoi apprendere per aiutarti a sviluppare più coraggio:

Ricordiamo i successi passati
Ripensare agli obiettivi raggiunti in passato ci aiuta a ottenere una certa sicurezza che possiamo utilizzare con successo per le avversità del presente. Non deve essere necessariamente un evento inerente all’area in cui abbiamo difficoltà ora. Pensare di avercela fatta in passato aiuta ad avere una maggiore consapevolezza di quel che siamo in grado di affrontare ora.
Chiediamoci a noi stessi:

  1. Quali sono alcuni dei nostri più grandi successi?
  2. In che situazioni ci siamo risollevati in passato che potremmo usare come ispirazione oggi?
  3. Come siamo riusciti a superare gli intralci che ci ostacolavano?

Ripensiamo al processo intrapreso nel nostro trascorso, anche se potrebbe trattarsi di una situazione diversa, e applichiamolo alla condizione attuale in cui vorremmo radunare un po’ più di coraggio.

Acquisiamo esperienza pratica
Spesso rinunciamo ad avere coraggio perché crediamo di non avere abbastanza capacità, supporto o esperienza. In tal caso è importante stilare un elenco di risorse. Significa semplicemente mettere insieme tutte le cose rilevanti di cui potremmo aver bisogno per iniziare a sentirci più coraggiosi e sicuri quando si tratta di affrontare una difficoltà.

Immaginiamo di preparare uno zaino per un’escursione. Ovviamente avremo bisogno di acqua, snack, coperte, calzini di ricambio, forse una bussola, un telefono e molti altri oggetti che potrebbero avere un valore. Ovviamente non è mai necessario utilizzare tutti questi articoli, tuttavia, sono lì solo nel caso in cui se ne abbia bisogno; e come risultato, possiamo partire per il nostro viaggio con piena fiducia che abbiamo tutto ciò che ci serve.

Quando si tratta del nostro obiettivo è utile elencare tutto ciò di cui potremmo avere bisogno per aiutarci a raccogliere il coraggio necessario per perseguirlo con successo. Ad esempio, potremmo avere necessità di sviluppare abilità rilevanti, o magari di leggere alcuni libri che possano fornirci alcune informazioni preziose o, forse, abbiamo bisogno di chiedere informazioni a un amico che ha attraversato quello che stiamo per affrontare per un po’ di supporto e guida.

Qualunque cosa sia è importante fare un bilancio di ciò che potrebbe essere necessario durante il viaggio e prepararsi in anticipo prima di partire.

Tutta la teoria studiata e le risorse raggruppate vanno convogliate verso la componente finale e fondamentale che è l’esperienza pratica. Ritornando all’esempio dell’escursionista: non iniziamo con lunghe distanze, ma dividiamo il nostro percorso in iter più piccoli, affrontiamo un sentiero per volta e alleniamoci su piccoli tratti.

Questo è essenzialmente ciò che significa “costruire il coraggio”. Si tratta di avanzare a piccoli passi progressivi per raggiungere il nostro obiettivo finale.

• Poniamoci domande focalizzate sulla soluzione
Quando ci troviamo di fronte a battute di arresto dobbiamo lasciare la nostra zona di comfort diventando, così, persone coraggiose. E’ necessario andare avanti e abbattere gli ostacoli e, per fare questo, poniamoci domande mirate sulla soluzione.

  1. Come possiamo superare questo?
  2. Qual è il prossimo passo?
  3. Quali opportunità esistono?
  4. Quali risorse possiamo utilizzare?

Abituarsi a farsi domande incentrate sulla soluzione ci porterà in uno stato d’animo ottimale che ci incoraggerà a pensare in modo flessibile di fronte alle difficoltà. Quando sulla strada incontreremo imprevisti che sembrano insormontabili, invece di scoraggiarci, vedremo sempre un’altra via: sapremo guardare in modo nuovo.

• Esercizio fisico per aumentare la resistenza fisica e mentale
Affrontare le sfide più difficili della vita richiede forza mentale, fisica ed emotiva. L’attività fisica gioca un ruolo fondamentale per la gestione dello stress. Svolgere correttamente e regolarmente sport migliora la circolazione, l’attività degli ormoni e dei neuroni, ma fa bene anche alla psiche aiutando a migliorare l’autostima: fare attività fisica ci rende quindi anche più sicuri.

Porsi degli obiettivi e raggiungerli dona maggiore fiducia nelle proprie possibilità: l’importante è mirare a qualcosa di raggiungibile. Ma in che modo l’attività fisica fa bene all’umore, con risvolti positivi sullo sviluppo del nostro coraggio?

Il “movimento” genera emozioni positive, attraverso il semplice atto di muovere il nostro corpo, ci mettiamo immediatamente in uno stato mentale molto più positivo di quello che avremmo se ci trovassimo immobili in un punto.

In altre parole, l’atto di “spostare” il nostro corpo ci rende istantaneamente più coraggiosi e “incoraggia” il movimento in avanti.

Ciò significa che saremo in grado di affrontare livelli più elevati di stress senza abbatterci emotivamente. In altre parole, avremo la capacità di intraprendere un’azione coraggiosa per periodi più lunghi.

• Pianifichiamo le nostre mosse in anticipo
Una ragione per cui ci manca il coraggio è a causa dell’incertezza. Quando non siamo sicuri di ciò che potrebbe accadere saremo riluttanti ad andare avanti. Pianificare in anticipo significa valutare preventivamente i rischi e definire un piano d’azione adeguato, per ridurre al minimo l’impatto dei potenziali ostacoli che si potrebbero incontrare lungo il viaggio.

Questo richiede di identificare i tipi di complicazioni a cui potremmo imbatterci; valutare il loro impatto e sviluppare un piano d’azione per aiutarci a rispondere di conseguenza a questi problemi.

Questo funziona perché in parte sappiamo cosa aspettarci e con meno incertezza all’orizzonte, non abbiamo più bisogno di una schiacciante quantità di coraggio per spingerci avanti. Ora abbiamo più fiducia in noi stessi e nelle nostre capacità per superare queste difficoltà.

• Creiamo i nostri mantra
Un Mantra è una combinazione di sillabe sacre che formano un nucleo di energia spirituale; il suo scopo è quello di fungere da magnete per attrarre le vibrazioni spirituali o da lente per metterle a fuoco.

Le persone coraggiose hanno dei mantra, frasi che ripetono per aiutarsi a restare concentrati e affrontare le sfide più difficili. Con questo non significa che con qualche citazione magica riescano a dissipare le paure, esse restano lì, ma la forza della parola aiuta a raccogliere il coraggio di cui hanno bisogno.

“- Oggi sarò in grado di essere coraggioso
– Ciò che non uccide, fortifica
– Sono forte, sarò in grado di vincere le mie paure”

Verbalizzare queste auto-affermazioni a voce alta può immediatamente metterci in uno stato mentale più positivo. Funziona perché le parole sono ancorate a specifiche esperienze emotive. Pronunciandole generiamo immediatamente un’emozione corrispondente in noi stessi che può aiutarci a muoverci in avanti.

• Mettiamo per iscritto le nostre paure
Mettendo per iscritto le nostre paure riusciremo a far luce su di esse; inoltre, avremo maggiore consapevolezza e trasferendole dalla nostra mente all’inchiostro su carta arriveremo alla conclusione che non sono così schiaccianti come inizialmente le avevamo fatte diventare.

Potremmo anche arrivare a capire le nostre paure, e con la comprensione arrivare alla sicurezza di cui abbiamo bisogno per superarle. In più, rileggere i timori che magari abbiamo già affrontato potrebbe aiutarci a pianificare la prossima volta che probabilmente affronteremo questa fobia di nuovo.

• Aiutare qualcuno a vivere una vita coraggiosa
L’atto di aiutare una persona a superare una paura, o a trovare il coraggio necessario per affrontare una situazione difficile, può senza dubbio essere un’esperienza molto gratificante per chi è aiutato.

Tuttavia, può anche essere incredibilmente appagante per noi stessi perché, attraverso la solidarietà ci aiutiamo da soli. Ci diamo una mano da soli perché ci rendi conto di questo:

Se siamo in grado di aiutare questa persona, allora perché non prendiamo alcuni dei nostri consigli e il coraggio di cui abbiamo bisogno per superare le nostre paure personali…

Potremmo aver passato anni a cercare di superare coraggiosamente le paure senza molto successo. Questo processo non ha mai funzionato per noi perché avevamo bisogno di uscire dalle nostre scarpe e vivere questa esperienza dalla prospettiva di un’altra persona. Solo vedendola “dall’esterno” abbiamo ora la prospettiva e l’ispirazione necessaria per utilizzare i propri consigli su di noi stessi.

Cosa possiamo fare ogni giorno per vivere una vita coraggiosa?
Pratichiamo atti coraggiosi ogni giorno, ecco delle linee guida pratiche da seguire quotidianamente.

• Smettere immediatamente di indugiare in abitudini debilitanti
Consapevolmente e inconsapevolmente indugiamo in abitudini che potrebbero intralciare il nostro allenamento per lo sviluppo del “muscolo” del coraggio. Abitudini come inventare scuse, bloccarsi eccessivamente di fronte all’incertezza, procrastinare a causa della paura, o anche la semplice abitudine di dare un peso significativo alle opinioni altrui; impediscono di vivere al massimo delle potenzialità.

I modelli di comportamento debilitanti vanno modificati, alzando lo standard personale, gestendo le aspettative personali e iniziando a riprendere il controllo dei propri impulsi.

• Coltiva una mentalità coraggiosa
Cosa serve per costruire una mentalità coraggiosa? Non c’è una risposta giusta o sbagliata. Tuttavia, se dovessimo elencare alcune caratteristiche che possono aiutarci a vivere una vita coraggiosa sarebbero: Speranza, Fiducia, Indipendenza, Ottimismo, Risate, e Curiosità.

Quando si agisce con coraggio alle spalle, si è fiduciosi e ottimisti di un risultato positivo. Lo facciamo in modo indipendente, nonostante le conseguenze che potremmo dover affrontare.

E’ necessario avere un po’ di fiducia nelle proprie capacità, mentre la curiosità ci tiene stimolati ad andare avanti. E poi c’è la risata. Bisogna essere un po’ spensierati, ridere dei propri errori può certamente aiutarci a superare le sfide più difficili in modo ottimale.

• Resta concentrato su ciò che conta di più
Per essere coraggiosi è fondamentale restare concentrati su sui propri punti di forza personali. Concentratevi su ciò che vi rende unici e speciali, concentratevi su ciò che vi ha aiutato a superare le sfide difficili del passato e concentratevi sul meglio di voi stessi che potete portare in questo momento. Tutta questa “attenzione mirata” vi permetterà di attingere alle forze più profonde che possono aiutarvi a trovare il coraggio necessario per smuovere gli imprevisti.

• Fai piccoli passi
L’uomo non è arrivato sulla luna in un giorno, l’uomo ha raggiunto la luna con piccoli passi, con tanto studio e tanta pratica. L’incertezza e la paura ci saranno sempre, ma bisogna imparare a non dare loro eccessiva importanza e concentrarsi sullo scopo finale.

I piccoli passi avranno anche battute di arresto, ma con il coraggio e la perseveranza si può continuare a vivere lasciandosi la paura alle spalle.

Conclusioni
Come abbiamo visto il coraggio è dentro di noi, va solo allenato, come se fosse un muscolo. A piccoli passi e con perseveranza è possibile affrontare le insicurezze quotidiane e quando sulla nostra strada incontriamo ostacoli che ci sembrano insormontabili, invece di scoraggiarci, pensare che c’è un’altra via: guardarli in modo nuovo, attraverso le abilità acquisite, trasformando l’ex paura in coraggio.
La paura ci sprona a far schiudere il nostro coraggio. Basta accettarla…
Il coraggio è già dentro di noi.

Non perderti le ultime novità da Pazzi di Vita
Iscriviti alla newsletter per ricevere le nuove videointerviste, i podcast e gli articoli sulla tua mail.

Post collegati Potrebbe piacerti anche